LA LEGGE DI CONSERVAZIONE DELLA MASSA

Antoine Lavoisier
Nel XVIII secolo il chimico e naturalista francese Antoine Lavoisier in seguito a vari lavori ed esperimenti aveva espresso il seguente principio:

all’interno di un sistema chiuso, in una reazione chimica la massa dei reagenti è esattamente uguale alla massa dei prodotti, anche se appare in diverse forme.

In parole più semplici, tale teoria è conosciuta anche così:

in una reazione chimica nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma.

Questa osservazione venne resa pubblica come principio di conservazione della massa, comunemente conosciuta come Legge di Lavoisier.

Facciamo un esperimento: immaginiamo di bruciare 2 kg di legno posto all’interno di una campana di vetro perfettamente sigillata, posta sopra una bilancia molto precisa, ed analizziamo cosa succede. All’inizio il legno produce una bella fiamma, e soprattutto tanto fumo, che però rimane intrappolato nella campana di vetro. Oltre a ciò viene prodotta una notevole quantità di calore, che esce dalla campana di vetro. Dopo un bel po’, il legno è completamente carbonizzato, lasciando poche ceneri. Andando ad osservare la bilancia, si vede che segna sempre esattamente 2 kg.

Niente si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma. Il gas e la cenere pesano esattamente quanto il legno di partenza, quindi non abbiamo creato e nemmeno distrutto nulla. Eppure ai nostri occhi si è sviluppato un cambiamento notevole, ovvero siamo passati da un oggetto sostanzialmente organico a composti completamente diversi.
Indietro