SISMA MARCHE

TERRITORIO

#Bisonninforma Il piano di difesa della costa approvato non tiene in debito conto la gestione integrata della costa, permette un ulteriore consumo di suolo e non tutela a sufficienza aree che andrebbero protette. Anche gli effetti dovuti ai cambiamenti climatici non sono presi nella dovuta considerazione. Si tratta quindi di una pianificazione miope, non adeguata al nostro territorio che, in base all'ultimo rapporto dell'ISPRA, risulta tra i più delicati d'Italia.

#Bisonninforma Oggi a Camerino abbiamo inaugurato il mercato della terra. Un importante appuntamento per mettere in contatto diretto i produttori e i consumatori, con la garanzia della qualità selezionata dalla slow food. Prodotti a km 0 in un appuntamento mensile che si spera possa anche rilanciare un settore economico nell'entroterra martoriato dal sisma.

Facebook photo

Una panchina fotovoltaica utile anche per caricare il cellulare di chi si siede. Complimenti per la bella idea.

Facebook photo

#Bisonninforma Ieri abbiamo ricevuto i sindacati dei lavoratori interessati della vertenza #Auchan-#Conad. Ci hanno descritto una situazione che permane critica anche dopo la risoluzione (anche a mia firma) che impegnava la Giunta a tentare di risolvere la questione. Ci hanno chiesto vicinanza e attenzione mediatica. Io ho proposto una azione comune di tutte le forze politiche, proposta che è stata accolta dalla conferenza dei capigruppo. Nelle Marche quasi 500 lavoratori rischiano il posto di lavoro, il punto vendite di Piediripa rischia di essere fortemente ridimensionato sia in termini di superfice che di lavoratori. Nella consapevolezza che la politica ha purtroppo le armi spuntate nei confronti dei privati, in ogni caso non possiamo permetterci che ciò accada e pertanto cercheremo di fare il possibile per evitare i licenziamenti. La Regione ad ogni modo è pronta con una serie di politiche attive a sostenere quei lavoratori che dovessero perdere il lavoro, ma speriamo ancora che di questo non ce ne sia bisogno.

Facebook photo

Approvata all’unanimità dall’assemblea la mia mozione che chiedeva alla Giunta di farsi portavoce presso il Parlamento ed il Senato, affinché sia accolto il maggior numero di proposte suggerite dalla rete dei tecnici delle Marche per migliorare il Decreto Sisma. Occorre dare una spinta ed un nuovo impulso alla ricostruzione sia privata che pubblica, attraverso una maggiore semplificazione normativa, con meno burocrazia e dando più libertà ai tecnici impegnati nella ricostruzione, attraverso un meccanismo rapido che da un lato permetta di far iniziare subito i lavori, e dall’altro tuteli il professionista liberandolo da eccessive preoccupazioni.

#Bisonninforma Il decreto sisma in fase di conversione in legge può ancora essere migliorato. Le molte lacune e l'ancora troppa burocrazia, impediranno una accelerazione nella ricostruzione. La rete dei tecnici delle Marche ha fornito una serie di proposte atte a migliorare questa norma. La mozione appena approvata chiede alla Giunta di farsi portavoce presso il Senato per accogliere il maggior numero possibile di osservazioni.

In Campania dove è stata proposta dal consigliere di Verdi Francesco Borrelli è stata approvata. Speriamo che anche le Marche dicano il loro NO all'impiego degli animali nei circhi.

Una mozione per tutelare la salute di tutti noi dai potenziali rischi del 5G. Il 5G opererà su frequenze più elevate di quelle sino ad ora utilizzate dai sistemi di radiotelefonia, superiori ai 30GHz, e renderà necessaria l’installazione in area urbana di numerosissimi ripetitori, con inevitabile aumento della densità espositiva. Bruxelles è stata la prima città a bloccare la sperimentazione del 5G per le preoccupazioni degli effetti sulla salute. Intanto, cresce la preoccupazione di molti sindaci italiani ed aumentano le sentenze che riconoscono la correlazione tra elettrosmog e cancro, quando ci si trova esposti in una condizione multipla e cumulativa.

Ora a Roma al congresso nazionale di Europa Verde.

Facebook photo

#Bisonninforma Ho depositato una proposta per vietare il glifosate e molti altri prodotti, una norma a cui tengo particolarmente. La proposta di legge prevede la predisposizione di un primo elenco delle sostanze vietate all’interno delle aree di salvaguardia dei punti di captazione da acque superficiali e sotterranee destinate al consumo umano. È ragionevole e giusto applicare il principio di precauzione e vietare alcune sostanze indicate dalle normative europee; tra queste prima fra tutte il glifosate e molte altre di cui si temono gli effetti sull'ambiente e sulla salute. L’obiettivo generale è un’azione coordinata che garantisca la protezione della popolazione, la salvaguardia dell’ambiente e la conservazione della biodiversità e degli ecosistemi. Se la norma venisse approvata in Aula la Regione Marche sarebbe una delle prime regioni d'Italia a dotarsi di una normativa specifica contro l'uso di queste sostanze. #stoppesticidi

Approvata oggi in aula una risoluzione che deriva dalla mia mozione a tutela degli animali nei canili discussa la scorsa settimana in aula. La risoluzione approvata all'unanimità prevede misure per favorire l'adozione di cani e gatti in particolare se anziani, chiede la pubblicazione nel sito della Regione Marche di tutte le strutture pubbliche e private censite, nonché il numero di animali, il tempo di permanenza e il numero di adozioni suddiviso per ciascuna struttura ed in formato aperto; infine si propone un percorso di riconversione dei canili e gattili pubblici con attività di promozione sociale al servizio della comunità (ad esempio corsi di toelettatura, comportamento, cura, ecc..)

#Bisonninforma Approvata in Aula una risoluzione che prende origine dalla mia mozione a tutela degli animali nei canili.
La risoluzione sottoscritta alla fine da tutte le forze politiche e votata all'unanimità prevede forme di incentivazione per l'adozione degli animali soprattutto se anziani, chiede la pubblicazione dei dati puntuali in forma aperta di tutte le strutture pubbliche e private nonché la pubblicazione dei controlli obbligatori atti a garantire il benessere degli animali e d infine propone un percorso di riconversione dei canili e dei gattili pubblici che dovranno aprirsi ad attività sociali quali corsi di comportamento, cura, ecc.

Facebook photo

#Bisonninforma Approvata oggi in Aula a norma sull'equo compenso dei professionisti. La norma nel pieno rispetto delle leggi comunitarie e statali intende riconoscere ai professionisti, compresi i soggetti che svolgono le professioni non organizzate, un equo compenso inteso quale compenso che deve essere proporzionato alla quantità, alla qualità, al contenuto e alle caratteristiche della prestazione resa.

Facebook photo

Malati gravi hanno bisogno di questi medicinali. Una legge regionale regola il loro uso. Quali sono i dati a due anni di distanza? La legge viene applicata nella sua interezza? La mia interrogazione cercherà di fare chiarezza su alcuni aspetti.

Raddoppio della Tolentino - San Severino Marche. Facciamo chiarezza.

Parto dalla consapevolezza della richiesta del territorio di una strada più agevole per il collegamento delle due vallate, nessuno nega questa esigenza e ne comprendo perfettamente le ragioni, quello che sostengo è che tra le tante soluzioni possibili sia stata scelta la più costosa e la più impattante dal punto di vista ambientale. La quadrilatero infatti inizialmente aveva previsto un tracciato diverso dal costo di circa 78 milioni di euro, che aveva anche il vantaggio di essere funzionale oltre che per San Severino Marche anche per altri paesi come ad esempio Treia.

Una variante a questo iniziale tracciato portava addirittura la spesa a soli (si far per dire) 40 milioni. Opere quindi meno costose e più funzionali. A queste opere da anni pianificate, invece è stata stranamente preferita un opera di circa 7 Km dal costo di quasi 100 milioni di euro, vale a dire quasi 14 milioni a Km; più della TAV tedesca (13 milioni/Km) e come quella spagnola (14 milioni/Km). Un costo onerosissimo, per una strada come questa, che non giustifica, a mio avviso, la scelta di questa soluzione nemmeno dal punto di vista economico. Ricordiamoci infatti che sono soldi pubblici, ossia di tutti noi. Per non parlare degli impatti ambientali, difatti la soluzione scelta prevede la realizzazione di un tunnel sotto il quartiere Buozzi che passerà sotto le fondazioni delle abitazioni in una collina notoriamente franosa e piena d'acqua (quella delle Terme di Santa Lucia).

Questo significa che in fase di realizzazione potrebbero presentarsi problematiche tecniche importati che causerebbero un inevitabile rallentamento dei lavori elevando il rischio che l'opera diventi (Dio non voglia) l'ennesima incompiuta. Ora ogni buon amministratore, come ogni padre di famiglia, dovrebbe chiedersi quale delle soluzioni possibili sia la meno problematica, la più fattibile e non ultimo la più economica. Infine non dimentichiamoci che se da una parte è vero che questi sono fondi dedicati alle infrastrutture, è anche storicamente accertato e statisticamente improbabile che per uno stesso territorio arrivino consistenti investimenti; questo significa che difficilmente chi ha puntato su un'opera così costosa riuscirà, per lo stesso territorio, ad ottenere fondi per le altre grandi priorità della città, prima fra tutte l'ospedale. In buona sostanza sono state operate delle scelte, per San Severino si è scelto di raddoppiare una strada esistente al costo di 100 milioni di euro.

Oggi si è svolta l'assemblea regionale dei Verdi. Buon lavoro al nuovo esecutivo.

Facebook photo

Dalla Senatrice Segrè prendiamo l'idea di istituire anche nella nostra Regione una commissione speciale contro il razzismo e l'intolleranza.

La legge regionale del ’97 stabilisce che la Giunta debba determinare la tariffa per il mantenimento degli animali nei canili e che tali tariffe siano aggiornate ogni 4 anni; con una successiva delibera la Giunta ha anche definito che in quelle stesse tariffe siano incluse anche le spese per l’assistenza sanitaria. Con questa mia mozione chiedo semplicemente che siano aggiornate le quote secondo quanto stabilito dalla legge garantendo uno standard minimo al mantenimento dignitoso dei cani in queste strutture. La mozione è stata rinviata alla prossima seduta.

Auchan – Simply: garantire l’occupazione.
Ho sottoscritto e votato questa risoluzione che impegna Presidente e Giunta ad intraprendere ogni utile iniziativa presso il Governo ed in particolare presso il Mise affinché venga garantita la tutela dei livelli occupazionali dopo l’acquisizione del gruppo Auchan – Simply da parte di Conad. Un accorpamento che porterebbe alla chiusura di ben 8 punti vendita nelle Marche, e più di 600 posti di lavoro a rischio, numeri che per una regione come la nostra sono veramente importanti. Mi auguro che, con l’intervento della Regione, si riesca a tramutare queste posizioni a rischio in stabilizzazioni all’interno della stessa attività commerciale o in eventuali riallocazioni per professionalità acquisite dal personale.

#Bisonninforma La Regione Marche si avvale del sostegno finanziario previsto dai fondi strutturali Feasr/Fesr per la gestione e conservazione dei siti appartenenti alla Rete Natura 2000 finalizzate a conciliare l'esistenza di predatori naturali, in zone dove sono presenti allevamenti. I fondi cioè devono servire a risarcire gli allevatori e contemporaneamente a proteggere specie protette come ad esempio il lupo. Ma quante risorse vengono realmente utilizzate per sostenere gli allevatori? Sono sufficienti? I rimborsi sono celeri? Sono questi i quesiti che a cui la mia interrogazione intende fare chiarezza.

Una mozione che trovo interessante e che ho votato favorevolmente, volta a promuovere l’insegnamento della lingua inglese in tutte le scuole dell’infanzia nella Regione Marche. Alcuni recenti studi hanno evidenziato che la mente dei bambini fino agli 11/12 anni è caratterizzata da una notevole elasticità e facilità di apprendimento; proprio per tale motivo, unito anche all’importanza che ha acquisito la lingua inglese in tutto il mondo, credo sia opportuno introdurre l’insegnamento dell’inglese già a partire dall’età dai 3 ai 6 anni.

Questa giovane ragazza tra me e la Presidente di Legambiente Marche è Beatrice. Donna, giovane imprenditrice, terremotata, artista, designer ma soprattutto coraggiosissima. Con la sua arte trasforma gli scarti di produzione della pelle, che sarebbero diventati rifiuti, in oggetti di design di altissimo valore. Poltrone, lampade, scarpe, portaoggetti e tantissimo altro. Un modo concreto di applicare l'economia circolare. Vincitrice di importanti riconoscimenti, Beatrice è semplicemente splendida. Che dire...credo di essermi innamorato...della sua arte.

Facebook photo

A 3 anni di distanza la ricostruzione (regolata da norme statali) ancora non parte. Da più parti gli appelli alla semplificazione burocratica (a tutti i governi che si sono succeduti) sono spesso caduti nel vuoto. Abbiamo perso troppo tempo con il rischio ora che il resto dell'Italia si stia lentamente dimenticando di noi, ma noi non dimentichiamo... noi ci viviamo. #dajemarche

Facebook photo

#Bisonninforma A distanza di pochi mesi dall'approvazione della legge, di cui sono stato l'estensore, contro l'uso della plastica monouso la Regione Marche dà il buon esempio sostituendo le bottiglie di plastica con quelle in vetro riutilizzabili più volte. Un piccolo segnale nella giusta direzione. Per me la soddisfazione di iniziare a vedere piccolissimi risultati di quella che fino a poco tempo fa era solo una idea nella mia testa e che ora invece è divenuta realtà. #monousonontiuso

Facebook photo

Il 9 novembre assemblea regionale dei Verdi.

Facebook photo

Ogni anno circa un milione di euro, che andrebbe utilizzato per il ripristino ambientale delle cave, non viene utilizzato (e va "sprecato") per mancanza di tempo. Con questa semplice modifica la Regione riuscirà ad utilizzare i suoi fondi e incidere positivamente sugli impatti ambientali.

Liliana superstite dell'olocausto riceve circa 200 messaggi di insulti, ogni giorno. Provo vergogna e rabbia per quegli esseri che dedicano il loro tempo ad insultare una donna colpevole solo di essere un'ebrea sopravvissuta ad Auschwitz. Liliana ti esprimo la mia solidarietà e vicinanza, per rappresentarti che ci sono tanti sani italiani che sono al tuo fianco. #iostoconLiliana

Facebook photo

Ho votato contro questa mozione perché tentava di strumentalizzare il conflitto curdo, che condanno senza se e senza ma (ho anche firmato una diversa mozione in tal senso), per promuovere politiche xenofobe; in sostanza si impegnava la Giunta ad attivarsi presso il Governo, L’Europa e la Nato per non consentire per sempre l’accesso della Turchia all’Unione Europea. L'errore più grave della mozione è quello di non distinguere le azioni riprovevoli di Erdogan da quelle del popolo turco.

#Bisonninforma Sono a favore e ho anche sottoscritto questa mozione per l’esenzione del bollo per le auto storiche, un atto che va a favore non solo dei proprietari, ma di tutto un segmento legato a questo tipo di attività; si pensi al settore dei meccanici e artigiani specializzati in questo tipo di autovetture ed alle numerose manifestazioni che incentivano la ricettività turistica nel nostro territorio. Tutti fattori che potrebbero determinare un notevole beneficio per le attività economiche locali.

La regione Marche risulta la seconda meta al mondo nella lista dei siti da visitare di Lonely Planet. Un importante riconoscimento per la nostra Regione che si conferma la meta delle armonie e della bellezza. https://www.lonelyplanetitalia.it/best-in-travel/regioni

Facebook photo

Richiami vivi. Chi fa questo può definirsi uno sportivo? Vergogna.

Facebook photo

#Bisonninforma Approvata in Aula la mozione che porta anche la mia firma per l'esenzione del bollo auto per le auto e le moto ultraventennali in possesso del certificato di rilevanza storica. Un giusto riconoscimento per chi con la sua passione tramite manifestazioni, gare, rievocazioni e fiere muove un importante indotto con positive ricadute sul territorio.

Facebook photo

L'onda vede conquista la Svizzera, presto arriverà anche in Italia. Unisciti a Europaverde.

Approvato l'articolo della legge elettorale che introduce la parità di genere. Un risultato di tutti.

Facebook photo

Una bella proposta di legge che consente di sostenere e promuovere l’organizzazione per il prossimo anno della 50° edizione del festival internazionale del folclore Terranostra di Apiro. Il festival si svolgerà dall’8 al 15 agosto ed ospiterà alcuni gruppi folcloristici in rappresentanza di altre nazioni, una manifestazione che definisco il festival dell’amicizia tra i popoli, un’importante occasione per far conoscere ed apprezzare il nostro territorio e le nostre tradizioni nel mondo. Vi aspettiamo ad Apiro.

Sono molto favorevole a questa iniziativa di istituire la riserva naturale del bosco di Tecchie nel comune di Cantiano. La riserva si estende per 196 ettari e presenta una notevole biodiversità con aree boscate e pascoli. La trasformazione in riserva permette al bosco di Tecchie di entrare nel circuito di promozione regionale e quindi in futuro di accedere più facilmente ai fondi europei. Un ottimo risultato raggiunto dalla Regione che conferma l’attenzione alla tutela del nostro patrimonio ambientale e paesaggistico.

Oggi è stata approvata dall’Assemblea Legislativa la proposta che va a modificare la legge elettorale regionale. Le principali modifiche si possono così riassumere: l’inserimento della doppia preferenza di genere, in pratica si potrà esprimere o un solo voto o votare per un uomo e una donna, con rappresentanza di entrambi i generi nelle liste in una percentuale di almeno il 40%; l’incompatibilità tra la carica di assessore e consigliere per meglio separare il potere esecutivo da quello legislativo; infine si sono alzate le soglie per ottenere il premio di maggioranza, dalle 3 vigenti (34,37 e 40%) alle 2 nuove (40 e 43%). Ho votato favorevolmente questa legge che ritengo equilibrata, tuttavia avrei preferito una discussione su una proposta più strutturata e completa che comprendesse altri importanti e necessari aspetti come la ridefinizione dei collegi elettorali ed altro.

#Bisonninforma Dobbiamo difendere i presidi territoriali e anzi potenziarli se vogliamo che i territori colpiti dal sisma tornino ad essere attrattivi per le persone a cui vanno garantiti pari diritti e pari qualità dei servizi.

#Bisonninforma Approvato l'articolo della legge elettorale che introduce la parità di genere. Un risultato di tutti.

Facebook photo

#Bisonninforma I VERDI VICINI AL POPOLO CURDO: sono firmatario di una mozione a sostegno della popolazione curda. La mozione approvata oggi in Aula impegna la Giunta ad attivarsi presso il governo nazionale per la ricerca di una soluzione pacifica e sollecitare il Ministro degli Esteri ad emettere il decreto per bloccare l'export delle armi verso la Turchia. #vicinanzaalpopolocurdo #DiMaiosveglia

Facebook photo

#Bisonninforma Abbiamo appena approvato all'unanimità la pdl che valorizza il Festival Internazionale del Folclore TERRANOSTRA Apiro e assegna al Comune un contributo straordinario di 50mila euro per il suo 50°. Un festival che valorizza la diversità delle culture e diventa simbolo di amicizia e di pace, con il merito di far conoscere Apiro e le Marche a tutto il mondo.

Facebook photo

#Bisonninforma Sono al fianco degli agricoltori, soprattutto di quelli che resistono nonostante tutte le difficoltà legate al sisma. La Regione Marche deve agire per evitare di aggiungere difficoltà economiche inaccettabili e inopportune.

Il mio intervento all'evento ECOlogica di Europa Verde a Milano. Un momento utile per condividere con gli altri le buone leggi realizzate nelle Marche dai Verdi.

A Villa di Montalto di Cessapalombo la festa antichi sapori e ricchezze del bosco promossa dal Comune di Cessapalombo l'Associazione olio extravergine varietà Coroncina ha dato il benvenuto al nuovo olio 2019. Un prodotto di altissima qualità nonostante la scarsità, quest'anno, delle olive. Complimenti al presidente Livio Giovenali ed a Valentino Lampa cuore pulsante dell'associazione.

Facebook photo

E' fatta! La legge contro le plastiche monouso di cui sono stato l'estensore ha passato l'esame. Ieri infatti era l'ultimo giorno in cui il Governo nazionale avrebbe potuto fare osservazioni e impugnare la nostra legge, ma ciò non è avvenuto per cui oggi la legge regionale guadagna la sicurezza che merita. Le Marche con questa legge anticipano la direttiva europea, segnando un primato nazionale. Ora sta a noi, alle istituzioni e ai cittadini applicarla per rendere le Marche una regione migliore. W le Marche!

Facebook photo

Le Marche riconoscono lo stato di emergenza climatica. Il mio intervento in Aula.

#Bisonninforma Insieme agli italiani all'estero. Sempre un piacere incontrarli e parlare con loro di tanti progetti e dell'immagine che essi hanno nel loro cuore del nostro amato Paese.

Facebook photo

Sul tema della salute ho conseguito alcuni risultati quali ad esempio il mantenimento dei Punti di Primo Intervento a Tolentino, Recanati e Cingoli, l'assunzione di un radiologo per l'ospedale di Camerino - San Severino Marche, l'istituzione della guardia medica pediatrica negli ospedali senza il reparto di pediatria, l'esenzione del ticket per i casi di violenza di genere. Inoltre sono state molte le azioni rivolte al mantenimento e potenziamento delle strutture sanitarie esistenti, la battaglia contro i tagli dei rimborsi ai malati oncologici e le iniziative per la sensibilizzazione contro l'utilizzo dell'alcool e delle droghe nelle scuole.

Facebook photo

#Bisonninforma Dichiarato lo stato di emergenza climatica nelle Marche, un risultato importante ottenuto grazie alla mozione da me presentata e approvata in Aula. Ora ci aspettiamo azioni conseguenti e un impegno concreto e costante volto alla riduzione delle emissioni dei gas clima alteranti nella nostra regione. Le Marche facciano la loro parte. #emergenzaclimatica

#Bisonninforma La bellezza dei nostri ragazzi mi ricorda che sto lottando per una giusta causa, quella di garantire loro un futuro, un futuro che permetta alla prossime generazioni di sopravvivere e superare l'emergenza climatica in corso. Hanno timore che il punto di non ritorno sia superato, restano solo 9 anni al pianeta poi sarà troppo tardi per tornare indietro. Oggi il Sindaco di Macerata si è impegnato a riconoscere lo stato di emergenza climatica...molto bene, ora ci si aspetta coerenza, ci aspettiamo che il comune di Macerata dal prossimo bilancio destini almeno 1 milione di euro per la riduzione delle emissioni da fonti fossili (da ripetere ogni anno) altrimenti avrà solo preso in giro questi splendidi ragazzi. Da parte mia martedì prossimo chiederò medesimo impegno alla Regione Marche che dovrà impegnarsi dal prossimo bilancio a mettere almeno 100 milioni di euro per la riduzione della CO2 altrimenti lo stato dello di emergenza climatica che mi auguro sarà votato resterà solo parole al vento. #fridaysforfuture

Facebook photo

Sono totalmente insoddisfatto della risposta dell’assessore alla mia interrogazione circa l’inserimento nel piano faunistico – venatorio del territorio dell’oasi. Reintrodurre la caccia nell’Oasi La Badia rappresenterebbe un enorme passo indietro rispetto alle scelte di tutela e conservazione ambientale. Ricordo che l’Oasi è stata istituita nel 1979, ricade in una zona speciale di conservazione (ZSC) e in una zona di protezione speciale (ZPS) ed al suo interno insiste l’unico centro di recupero degli animali selvatici (CRAS) attivo in regione; nonostante negli anni siano cambiate alcune caratteristiche ambientali è pur vero che permangono tuttora delle specie animali di particolare interesse, oltreché una notevole biodiversità. Spero che con il mio intervento e con l’aiuto di tutte le associazioni si riesca a fermare questo progetto che, personalmente, ritengo abominevole.

Condivido totalmente questa mozione che vuole dare un segnale forte per contrastare una situazione difficile ed urgente che si sta verificando da qualche anno alla riapertura delle scuole; è assolutamente necessario coprire il fabbisogno di insegnati di sostegno agli alunni con disabilità. Una carenza drammatica e strutturale di risorse che ogni anno peggiora sempre più, il tutto a danno degli studenti disabili e alle loro famiglie. Io stesso provengo dal mondo della scuola e conosco bene le dimensioni del problema, occorre che la Regione garantisca tutte le risorse necessarie a sostegno dei ragazzi in difficoltà, assicurando un organico altamente qualificato e sufficiente a coprire le necessità.

Pezzanesi dà i numeri della ricostruzione privata e autocertifica il suo fallimento. Le pere con le pere e le mele con le mele.

#Bisonninforma La risposta della Regione alla mia interrogazione. Da parte mia ho espresso la massima contrarierà all'inserimento nel piano faunistico venatorio del territorio dell'oasi. Introdurre la caccia in un'oasi naturale sarebbe un abominio a cui noi Verdi ci opponiamo con tutte le nostre forze.

Facebook photo

#Bisonninforma Grazie alla LAV per la perfetta organizzazione della serata di approfondimento sul mondo dei nostri amici gatti. Interessanti gli interventi di elevato livello che hanno approfondito e sviscerato molti aspetti sul comportamento e la salute degli animali nonché le giuste attenzioni da osservare per avere sempre dei gatti in super forma.

Facebook photo

#Bisonninforma Inaugurata questa mattina a Matelica un piccolo tratto di strada dedicata a San Sollecito che ha lo scopo di migliorare la viabilità in vicinanza di alcune scuole. Un opera trasversale iniziata dalla precedente amministrazione e portata a termine da quella attuale. Bene, perché quando le opere sono funzionali e utili bisogna superare le distinzioni dovute al differente colore politico e unire le forze per il raggiungimento di un comune obiettivo.

Facebook photo

#Bisonninforma

STOP INCENERITORI

La legge approvata oggi in Aula stabilisce che la distanza minima degli inceneritori di CSS, rifiuti e fanghi deve essere superiore a 5 Km dai centri abitati e dalle funzioni sensibili (come ad esempio ospedali e scuole). In questo modo in realtà nei fatti si impedisce la realizzazione di questi impianti, anche per i soggetti privati, perché sarà impossibile trovare in tutto il territorio marchigiano un sito idoneo ad accogliere tali impianti. La legge si applica anche agli impianti in corso di autorizzazione e entra in vigore subito essendone stata dichiarata l'urgenza. Stop agli inceneritori, le Marche non li vogliono.

APPELLO PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI EMERGENZA CLIMATICA
Martedì prossimo l'Aula assembleare delle Marche voterà la mozione da me presentata per il riconoscimento dello stato di emergenza climatica nelle Marche. Nell’atto viene proposta in primo luogo la dichiarazione dello stato di emergenza ed il riconoscimento dell’urgenza di una risposta globale. Tra gli impegni, figurano l’accelerazione della transizione energetica per ridurre le emissioni di anidride carbonica in tutti i settori produttivi e la progettazione, nonché il finanziamento, di un piano di sensibilizzazione ecologica. Per contrastare l’emergenza climatica, pongo al centro dell’attenzione alcuni principi che riguardano: la “giustizia” climatica, vale a dire che i costi di transizione non devono gravare sulle fasce più deboli della popolazione; la “democrazia partecipativa”, con il coinvolgimento da parte della Regione delle associazioni ambientaliste attraverso un tavolo di confronto a cadenza periodica e la “trasparenza”, che presuppone la pubblicazione di rapporti sui progressi registrati in relazione alla riduzione delle emissioni e nella risoluzione delle criticità ambientali. Faccio una appello a tutte le forze politiche affinché approvino la mozione e riconoscano lo stato di emergenza climatica. #incrociamoledita

Facebook photo

#Bisonninforma Una scelta coerente con i miei principi e il mio impegno costante verso la tutela dell’ambiente e degli animali. I Verdi si contraddistinguono per le battaglie in tema di equità sociale, di libertà civili, politiche e religiose e per la lotta ad ogni forma di razzismo e discriminazione, tutti valori in cui mi riconosco pienamente. Abbiamo bisogno di nuove energie e nuove competenze per dare vita insieme ad un nuovo progetto nelle Marche. Invito pertanto tutti gli ambientalisti, gli animalisti, e tutti coloro che si riconoscono nei valori dei Verdi che sono rimasti delusi dagli altri partiti a contattarmi ed unirsi a noi.

#bisonninforma Già lo scorso anno il Consiglio di Stato e il TAR Marche avevano contestato l'operato della Giunta regionale in tema di caccia e ben due leggi regionali furono impugnate dal Governo, ora questa nuova sentenza del TAR conferma per l'ennesima volta che le politiche della Giunta in tema di caccia non sono rispettose delle norme. In molte occasioni in Aula avevo avvertito l'assessore Pieroni e la Giunta e spesso li ho invitati a mutare il loro atteggiamento aprendosi al dialogo e al confronto con le associazioni ambientaliste e soprattutto invitandoli ad attenersi alle indicazioni normative e dell'ISPRA; tutto inutile sono andati avanti senza ascoltare. Quello che appare più grave in questa vicenda è che si sta procedendo, contro la recente sentenza del TAR per riaprire la caccia già a partire dalle prossime giornate. https://picchionews.it/politica/sospensione-della-preapertura-della-caccia-bisonni-le-politiche-della-giunta-sul-tema-non-rispettano-le-norme

#Bisonninforma Ultimo approfondimento della legge sul divieto di alcuni prodotti in plastica.

LA REGIONE VIGILERA'

A partire dal 2020 ogni anno sarà realizzato un report contenente almeno le seguenti informazioni:

• la percentuale del rifiuto compostabile sul totale del rifiuto prodotto
• la quantità della frazione di sopravaglio rispetto al totale del rifiuto indifferenziato avviato al trattamento meccanico biologico (T.M.B.)
• il numero degli enti che hanno provveduto agli adempimenti di legge
• gli interventi e le azioni realizzati specificandone i tempi di attuazione
• i risultati conseguiti rispetto agli indicatori di risultato
• in che misura la Regione ha finanziato i singoli interventi e in che modo tali risorse risultano distribuite sul territorio regionale
• le eventuali criticità riscontrate nell'attuazione della legge e le proposte per superarle

La legge entrerà in vigore a partire da novembre 2019 ma per le scorte ci sarà tempo sino al 31 marzo 2020 per poterle utilizzare.

Buon plastic free a tutti.

https://www.consiglio.marche.it/banche_dati_e_documentazione/iter_degli_atti/pdl/scheda9.php?id=1834

Facebook photo

Conferenza stampa di oggi per illustrare cosa cambia nelle Marche dopo l'approvazione all'unanimità della legge contro l'uso dei prodotti in plastica monouso di cui sono l'estensore.

STOP ALLA PLASTICA MONOUSO

Conferenza stampa di oggi per illustrare cosa cambia nelle Marche dopo l'approvazione all'unanimità della legge contro l'uso dei prodotti in plastica monouso di cui sono l'estensore.

Pubblicato da Sandro Bisonni Consigliere Regionale Marche su Martedì 6 agosto 2019

#Bisonninforma Penultimo approfondimento della legge contro l'uso dei prodotti in plastica monouso.

NON SOLO DIVIETI

La legge promuove e finanzia:

- progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati a sostituire i prodotti di plastica con materiali biodegradabili o compostabili diversi dalle bioplastiche
- l'adozione da parte dei soggetti pubblici di attività dirette a conseguire una riduzione del consumo dei prodotti di plastica monouso
- la riduzione dell'utilizzo dei prodotti di plastica non monouso
sistemi di cauzione-rimborso (vuoto a rendere)
- l'acquisto di prodotti e macchinari per la sostituzione dei prodotti vietati
- campagne di informazione verso i soggetti che devono rispettare i divieti,

I fondi per il 2020 sono pari a 110.000 euro (10.000 dedicati alle campagne informative), ma i comuni potranno fare sanzioni e il ricavato per il 30% dovrà essere obbligatoriamente destinato alla copertura degli oneri per attuare le disposizioni di legge. Per i successivi anni si provvederà con fondi regionali individuati nel bilancio.

Le sanzioni varieranno:

per i cittadini da 60 a 300 euro
per i soggetti pubblici e economici da 300 a euro 1.500,00 euro

La Regione ogni anno realizzerà un programma di attuazione della legge che conterrà:

- le azioni da finanziare
- i criteri e le modalità di erogazione dei finanziamenti
- gli indicatori di risultato

Facebook photo

#Bisonninforma Continua l'approfondimento sulla legge contro l'uso delle plastiche monouso. In realtà non solo quelle monouso ma anche le oxo-degradabili e molto altro. Seconda pillola di approfondimento.

Cosa è vietato:

Sono vietati alcuni prodotti in plastica monouso, in particolare:

bastoncini cotonati
posate (forchette, coltelli, cucchiai, bacchette)
piatti
cannucce
agitatori per bevande
aste da attaccare a sostegno dei palloncini
contenitori per alimenti in polistirene espanso
contenitori per bevande in polistirene espanso e relativi tappi e coperchi
tazze per bevande in polistirene espanso e relativi tappi e coperchi

Mentre va ridotto l'uso di:

tazze per bevande (non in polistirene espanso) inclusi i relativi tappi e coperchi
contenitori per alimenti (non in polistirene espanso)

Sono inoltre vietati tutti i prodotti (anche non monouso) in plastica oxo-degradabile, ossia quella plastica che attraverso l’ossidazione si riduce in microframmenti o si decompone. Questi prodotti sono riconoscibili perchè devono riportare una scritta che li classifica come oxo-degrabili; le plastiche oxo-degradabili sono spesso usate per gli imballaggi, tipico esempio gli shoppers.

Secondo la direttiva europea e quindi anche secondo la legge regionale i prodotti in bioplastica (ad esempio materbi, pla, ecc) non sono ammessi quali sostituti di questi prodotti visto che la loro degradazione avviene solo in condizioni controllate (ad esempio entro impianti dedicati e solo fino a certe %) e non avviene spontaneamente se dispersi in natura.

La legge introduce anche il divieto di fumo nelle spiagge prive di posacenere, ma basterà portarlo da casa per poter fumare anche nelle spiagge libere. Scopo della legge infatti non è la repressione del fumo ma la prevenzione della dispersione dei filtri nell'ambiente.

Sono previste delle deroghe ai divieti imposti precisamente nei seguenti casi:

emergenze igienico-sanitarie
diete personalizzate
interruzioni del servizio di acquedotto o calamità naturali

Facebook photo

Condivido volentieri il comunicato di european consumers che evidenzia le assurdità di quello che è già stato messo in moto con il decreto Genova e che si sta continuando malvagiamente a perseguire sul tema dell'innalzamento degli inquinanti nei fanghi per uso agricolo. Un declino pericoloso per l'ambiente e la salute delle persone che il sottoscritto con il voto dell'assemblea legislativa delle Marche sta cercando di contrastare. Le Marche infatti hanno già votato la mia proposta di legge alle Camere per abbassare i valori di questi inquinanti, ma sembra proprio che la strada che questo governo nazionale sta seguendo sia purtroppo diametralmente opposta. Il comunicato ha ricevuto il sostegno dell'associazione ISDE. Buona lettura.

http://www.europeanconsumers.it/2019/08/01/la-bozza-del-decreto-fanghi-continua-a-permettere-lo-spandimento-nei-terreni-agricoli-di-sostanze-tossiche-e-nocive/

LA POLTRONA DEL RAGIONIER MAGGI
Anziché rispondere nel merito alla critica che ho mosso al m5s in tema di trasparenza, per l’ennesima volta il ragionier Maggi mi ha attaccato su questioni personali infondate al solo scopo di screditarmi. Un atto di estrema scorrettezza usato da chi non ha argomenti per rispondere alle osservazioni mosse. Poiché queste basse scorrettezze si ripetono ormai da anni, mi sono trovato costretto a rispondere per le rime.

L’elenco degli iscritti all’Associazione Rousseau, che dovrebbe sviluppare la piattaforma per l’esercizio della democrazia diretta, è segreto; l’elenco non è pubblico, dei circa 30 mila iscritti sono noti solo i donatori che rappresentano una minima parte. Esiste in rete un elenco recuperato da un hacker che in passato è riuscito a penetrare nel sistema informatico Rousseau, tuttavia questo elenco è quello della precedente associazione, gli iscritti alla nuova ed ennesima associazione sono completamente segreti. Questa è la trasparenza del movimento 5 stelle!!

#sismamarche UNA LEGGE PER LA SEMPLIFICAZIONE: Questa legge si prefigge di semplificare ed accelerare gli interventi di ricostruzione nei territori colpiti dagli eventi sismici del 2016 cercando di superare alcune difficoltà presenti nella attuale normativa. A mio avviso una norma di buon senso che va a sburocratizzare la normativa sismica per chi ha subito gravi lesioni alla propria abitazione, si parla di livello L4, snellendo la procedura di demolizione e ricostruzione e prevedendo inoltre la delocalizzazione in aree idonee a basso rischio idrogeologico. In definitiva una norma che favorisce i territori colpiti pesantemente dal sisma, una legge a favore dell’entroterra.

#Bisonninforma MARCHE DA RECORD: DIVIETO DELLE PLASTICHE MONOUSO
Grande soddisfazione per l’approvazione unanime della mia proposta di legge per vietare l'utilizzo delle plastiche monouso e delle plastiche oxo-degradabili in tutti gli enti pubblici marchigiani, nelle loro controllate, nelle scuole, nelle strutture sanitarie, nelle manifestazioni patrocinate dalla Regione e nelle spiagge. Sotto controllo anche il fumo in spiaggia che sarà ammesso solo in presenza di posacenere. Non solo divieti, ma anche promozione dell’innovazione industriale per progetti finalizzati allo studio, ricerca e realizzazione di materiali alternativi alla plastica. Ricordo che la pericolosità della plastica dispersa nell’ambiente sta nel fatto che deteriorandosi si riduce in microparticelle che penetrano nei tessuti degli animali, soprattutto pesci, che infine finiscono sulle nostre tavole. Anche noi assimiliamo plastiche, che possono portare ad infiammazioni degli organi ed in alcuni casi a certe forme tumorali. Una legge, quindi, non solo a salvaguardia dell’ambiente ma anche a tutela della nostra salute. Sottolineo infine che le Marche grazie a questa ed altre leggi come la tariffazione puntuale si sono poste sicuramente all’avanguardia nazionale su questa delicata ed importante tematica.

#Bisonninforma Considerata l'importanza della legge contro l'uso dei prodotti in plastica (legge di cui sono l'estensore), accolgo il consiglio della mia amica Senatrice Serenella Fucksia, di illustrare in pillole alcuni punti chiave della normativa.

Informazione n. 1 – A chi si applica

Sono tenuti al rispetto della legge i seguenti soggetti:
- Regione
- Province
- Comuni
- i soggetti partecipati in modo maggioritario dagli enti di cui sopra
- le strutture sanitarie pubbliche e private accreditate
- le università
- gli istituti pubblici di educazione ed istruzione e agli enti di formazione accreditati
- chiunque svolga una attività economica in area demaniale marittima
- chiunque organizzi manifestazioni ed eventi con il patrocinio della Regione
- tutti i cittadini quando sono in spiagge del litorale marchigiano.

Arrivederci alla prossima informazione.

Facebook photo

Considerata l'importanza della legge contro l'uso dei prodotti in plastica (legge di cui sono l'estensore), accolgo il consiglio della mia amica Senatrice Serenella Fucksia, di illustrare in pillole alcuni punti chiave della normativa.

Informazione n. 1 – A chi si applica

Sono tenuti al rispetto della legge i seguenti soggetti:
- Regione
- Province
- Comuni
- i soggetti partecipati in modo maggioritario dagli enti di cui sopra
- le strutture sanitarie pubbliche e private accreditate
- le università
- gli istituti pubblici di educazione ed istruzione e agli enti di formazione accreditati
- chiunque svolga una attività economica in area demaniale marittima
- chiunque organizzi manifestazioni ed eventi con il patrocinio della Regione
- tutti i cittadini quando sono in spiagge del litorale marchigiano.

Arrivederci alla prossima informazione.

La Rai oggi parla della mia (nostra) legge contro l'uso delle plastiche monouso. #orgogliomarche

Le Marche monouso-plastic-free

La Rai oggi parla della mia (nostra) legge contro l'uso delle plastiche monouso. #orgogliomarche

Pubblicato da Sandro Bisonni Consigliere Regionale Marche su Martedì 30 luglio 2019

#sismamarche Io credo che ai tecnici dobbiamo solo ed unicamente dire grazie. Stanno facendo un lavoro enorme facendosi carico di tutto; spesso e volentieri anche di norme scritte male e soprattutto senza ancora aver incassato un euro per il loro lavoro. I tecnici non possono finanziare di tasca loro la ricostruzione ed è giusto che lo Stato faccia una norma che consenta almeno l'anticipo di una parte delle loro parcelle per permettere loro di pagare i propri collaboratori e di coprire le spese vive. Chi si lamenta del loro lavoro è semplicemente un ingrato, sbaglia fortemente e farebbe bene a scusarsi.

#Bisonninforma Grandissima la mia soddisfazione nel vedere approvata all'unanimità la mia proposta di legge (sottoscritta poi da diversi consiglieri che ringrazio) per vietare l'uso delle plastiche monouso e le plastiche oxo-degradabili in tutti gli enti pubblici marchigiani, nelle loro controllate, nelle scuole, nelle strutture sanitarie, nelle manifestazioni patrocinate dalla Regione e nelle spiagge. Insieme all'altra mia legge regionale sulla tariffa puntuale questa normativa segna un record ponendo le Marche all'avanguardia normativa nazionale in tema ambientale. Da novembre 2019 le Marche saranno monouso-plastic-free. Viva l'ambiente e viva le Marche.

Facebook photo

INCENERITORE: IL COMUNE "DIMENTICA" DI SEGNALARE LA SCUOLA

#Bisonninforma Come si vede da questi due documenti né il Comune (documento 1 del 31/05/2019) né di conseguenza la Provincia (documento 2 in cui la Provincia evidenzia la vicinanza ai centri abitati cosa poi contestata dalla ditta e che ha fatto riaprire la pratica) tengono in considerazione la presenza di una scuola a meno di 400 metri in linea d'aria. Un fatto di una gravità inaudita in quanto dirimente ai fini della archiviazione della pratica. La norma infatti impone che tali impianti siano ubicati a più di 1.000 metri in linea d'aria dalle funzioni sensibili (ospedali, scuole, ecc). Se la presenza della scuola fosse stata correttamente segnalata in data 31 maggio da parte del Comune, la Provincia avrebbe avuto gli strumenti per archiviare sul nascere tutta la questione. Ora invece siamo qui ancora con la pratica aperta. Ad ogni modo per fortuna nulla è compromesso in quanto il sottoscritto, anche a nome del Comitato NO inceneritore - Tolentino ha depositato in Provincia una serie di osservazioni segnalando ovviamente la presenza della scuola. Inoltre il 17 settembre arriverà in Aula la mia proposta di legge per dislocare questi impianti a più di 5 Km dai centri abitati e dalle funzioni sensibili. Se sarà approvata (cosa che auspico) la legge allontanerà definitivamente la possibilità di installare inceneritori in tutte le Marche. Concludendo possiamo dire che ci sono buone possibilità di vincere questa battaglia ma non certo grazie al Comune e alla incapacità del sindaco Pezzanesi.

https://www.cronachemaceratesi.it/2019/07/26/scuola-vicina-allinceneritore-il-comune-non-lha-segnalato/1280694/

https://picchionews.it/politica/scuola-vicina-all-inceneritore-il-comune-di-tolentino-dimentica-di-segnalarla

https://lascansionenet.blogspot.com/2019/07/a-tolentino-scuole-vicino.html?spref=fb

Facebook photo

#Bisonninforma Sono favorevole a questa mozione riguardante la contrarietà della chiusura degli sportelli UBI banca e il mantenimento del livello dei servizi ai cittadini e alle imprese. La politica quando entra nella sfera economica ha sempre un potere limitato, purtroppo come in questo caso le banche guardano solo all’aspetto economico-finanziario, mantenendo le sedi solo dove è più conveniente, e chiudendole là dove il tornaconto e gli interessi vengono a mancare. Oggigiorno anche a causa della diffusione di strumenti informatici come l’home banking, la sede fisica risulta sempre più svantaggiata e quasi sempre i territori che risultano penalizzati sono quelli dell’entroterra. Un appello per scongiurare la chiusura delle sedi ed evitare un ulteriore diminuzione dei servizi ai cittadini e alle imprese, considerando anche l’impatto negativo in termini occupazionali sia indiretti che indotti.

#Bisonninforma Ho votato favorevolmente questa legge per l’istituzione del Museo archivio del Manifesto a Civitanova Marche, che conta più di 17 mila manifesti donati da un privato. Trovo giusto investire in questi centri che vanno a valorizzare la cultura, l’arte e le bellezze del nostro territorio e che fanno parte del patrimonio dell’intera comunità marchigiana.

#Bisonninforma Dopo il passaggio di competenze dalle Province alle Regione, la Giunta deve adottare un Piano Faunistico Venatorio e un procedimento di consultazione pubblica ai fini della Valutazione Ambientale Strategica. Fino a quando non si avrà un piano faunistico venatorio ragionale, continuano a valere i piani elaborati dalle singole Province e con delibere e leggi è stato stabilito il ripristino dell’attività venatoria anche nei siti Natura 2000. In conseguenza di tali atti sono seguite sentenze del TAR e del Consiglio dei Ministri che hanno stabilito la sospensione della caccia in tali aree ritenendo la legge della Regione incostituzionale.
Occorre quindi che la Regione approvi un piano faunistico venatorio nel rispetto delle citate sentenze e tenendo in considerazione le osservazioni proposte da tutti i soggetti interessati come le associazioni ambientaliste, animaliste ed ISPRA. Una volta approvato e pubblicato sarà mia premura studiare attentamente il piano e verificare quante osservazioni e proposte sono state raccolte ed adottate.

#Bisonninforma A febbraio 2019 è stato emanato un avviso pubblico per l’individuazione delle associazioni di volontariato per la costituzione del Centro Recupero Animali Selvatici (CRAS). Ad oggi, nonostante siano state espletate tutte le procedure necessarie, nessuna convenzione con tali associazioni risulta essere sottoscritta. I CRAS svolgono funzioni molto importanti come garantire l’adeguato soccorso ad animali in difficoltà, tutela delle specie minacciate, riproduzione e reintroduzione di specie rare. Con questa mia interrogazione ho chiesto tre semplici cose: i motivi per cui non si sono ancora fatte le convenzioni con le associazioni per la gestione dei CRAS, in che data tali convenzioni saranno firmate e quando i CRAS diverranno realmente operativi. La risposta dell’assessore è stata vaga, l’unica notizia che ho ricevuto è che le convenzioni verranno firmate entro il mese di agosto, attendo con ansia il mese di settembre per verificare il tutto.

#Bisonninforma Questa mia interrogazione è scaturita dalle segnalazioni ed iniziative dei cittadini riuniti nel comitato Myfido, che hanno raccolto numerose firme con l’obiettivo di fermare la realizzazione di un nuovo appostamento fisso di caccia nel comune di Falconara Marittima e che prevede anche la realizzazione di un pozzo con la finalità di creare un acquitrino per attirare l’avifauna. Considerando che in quel territorio a poca distanza sono presenti la ciclovia Adriatica, l’aeroporto Raffaello Sanzio ed altre attività industriali e di trasporto, ho chiesto all’assessore se la Regione prima di concedere la concessione avesse tenuto conto delle possibili criticità per l’ambiente e la pericolosità per le persone e se abbia o meno chiesto un parere all’ENAC. La risposta dell’assessore mi ha lasciato basito, affermando che agli uffici regionali non è arrivata nessuna richiesta, peccato che dopo la sua risposta sono venuto in possesso delle copie della richiesta di concessione per la realizzazione dell’appostamento e del pozzo con tanto di protocollo e datate 14 marzo 2019!

#Bisonninforma
INCENERITORE: IL COMUNE "DIMENTICA" DI SEGNALARE LA SCUOLA

Come si vede da questi due documenti né il Comune (documento 1 del 31/05/2019) né di conseguenza la Provincia (documento 2 in cui la Provincia evidenzia la vicinanza ai centri abitati cosa poi contestata dalla ditta e che ha fatto riaprire la pratica) tengono in considerazione la presenza di una scuola a meno di 400 metri in linea d'aria. Un fatto di una gravità inaudita in quanto dirimente ai fini della archiviazione della pratica. La norma infatti impone che tali impianti siano ubicati a più di 1.000 metri in linea d'aria dalle funzioni sensibili (ospedali, scuole, ecc). Se la presenza della scuola fosse stata correttamente segnalata in data 31 maggio da parte del Comune, la Provincia avrebbe avuto gli strumenti per archiviare sul nascere tutta la questione. Ora invece siamo qui ancora con la pratica aperta. Ad ogni modo per fortuna nulla è compromesso in quanto il sottoscritto, anche a nome del Comitato NO inceneritore - Tolentino ha depositato in Provincia una serie di osservazioni segnalando ovviamente la presenza della scuola. Inoltre il 17 settembre arriverà in Aula la mia proposta di legge per dislocare questi impianti a più di 5 Km dai centri abitati e dalle funzioni sensibili. Se sarà approvata (cosa che auspico) la legge allontanerà definitivamente la possibilità di installare inceneritori in tutte le Marche. Concludendo possiamo dire che ci sono buone possibilità di vincere questa battaglia ma non certo grazie al Comune e alla incapacità del sindaco Pezzanesi.

https://www.cronachemaceratesi.it/2019/07/26/scuola-vicina-allinceneritore-il-comune-non-lha-segnalato/1280694/

https://picchionews.it/politica/scuola-vicina-all-inceneritore-il-comune-di-tolentino-dimentica-di-segnalarla

https://lascansionenet.blogspot.com/2019/07/a-tolentino-scuole-vicino.html?spref=fb

Facebook photo

GLI INVESTIMENTI GIUSTI

Questa mattina ho partecipato ad una riunione presso la Regione Marche insieme a diversi consiglieri regionali e alcuni parlamentari marchigiani.
Scopo della riunione unire le forze per far finanziare l'elettrificazione della linea ferroviaria Fabriano - Civitanova Marche eliminando anche tutti i passaggi a livello con la realizzazione dei relativi cavalcavia.
Occorrerebbero 70 milioni per l'elettrificazione e 42 per eliminare i passaggi a livello.
Sarebbe questo si un ottimo investimento per riportare sviluppo nel nostro territorio, anche perché questi finanziamenti completerebbero un anello ferroviario elettrificato tra Fabriano – Civitanova Marche e Falconara. L'anello così realizzato entrerebbe nel cuore delle Marche e permetterebbe spostamenti più rapidi (non ci sarà più la necessità di cambiare mezzo passando dal treno elettrico a quello a gasolio come avviene ora), eliminerebbe le criticità con gli incroci stradali agevolando lo scorrimento del traffico e aumenterebbe il trasporto su ferro molto più ecologico di quello su gomma (dove è già avvenuta l'elettrificazione si sono registrati aumenti del 30% in termini di volumi di passeggeri e merci).
Inoltre questo investimento è propedeutico ad un investimento più consistente di 500 milioni di euro utile al completo ammodernamento di gran parte della rete ferroviaria grazie al raddoppio delle principali vie ferrate.
In buona sostanza, questo si sarebbe un grande e bello investimento da fare nelle Marche, un investimento che consentirebbe di puntare su una mobilità sostenibile, ecologica ed efficiente.
Tutte le forze politiche si sono trovate d'accordo.
Il problema? Il problema, e il motivo della riunione di oggi, è che mancano i soldi che vanno trovati.
Ritengo che sia compito della politica individuare le giuste priorità su cui puntare per evitare che ci rispondano...”per le Marche abbiamo già dato”, ma per questo occorre possedere lungimiranza, visione strategica e capacità pianificatoria, aspetti che non tutti possiedono.
Da parte mia lavorerò e collaborerò con chiunque intenda raggiungere l'obiettivo di questo finanziamento per promuovere una mobilità più sostenibile ed eco-friendly.

Facebook photo

La legge regionale n. 10 del 1977 demanda alla Giunta l’individuazione, esclusivamente in funzione dell’età e dello stato degli animali ricoverati, del minimo e del massimo delle tariffe relative alle spese per il loro mantenimento, con aggiornamenti da effettuare ogni quattro anni. Peccato che l'ultimo aggiornamento tariffario risalga al 2012. E' ora di agire.

FAI Marche, Italia Nostra Marche, LAC Marche, LAV Marche, Lipu Marche, Lupus in Fabula, Pro Natura Marche, Forum Paesaggio Marche, WWF Marche unite nel contestare l'opera.

Fra le 28 proposte di legge da me sottoscritte diverse hanno affrontato i temi ambientali, alcune sono state approvate (cosa assai rara per un consigliere di minoranza) in quanto largamente condivise. I principali obiettivi riguardano il divieto di costruzione degli inceneritori e il no alla combustione di CSS, le proposte a tutela dei parchi e degli animali in particolare quelli di affezione, le agevolazioni tariffarie per chi produce meno rifiuti, il sostegno all'economia verde e il divieto di utilizzo della plastica monouso. Alcune di queste leggi (come ad esempio quella sulla tariffa puntuale che mira a far pagare meno chi differenzia meglio o quella contro l'uso delle plastiche) hanno segnato per le Marche un primato italiano che ci pongono all'avanguardia assoluta e fanno delle Marche una regione tra le più "verdi" d'Italia.

Facebook photo

COME SPRECARE 100 MILIONI
PER RISPARMIARE 3 MINUTI DI STRADA

Come sprecare 100 milioni di euro per risparmiare 3 minuti di strada! Accade anche questo nelle Marche e per la precisione in provincia di Macerata, dove il nuovo tracciato che si vorrebbe realizzare per collegare Tolentino a San Severino rischia di tramutarsi in un inutile sperpero di denaro pubblico o in una delle classiche e faraoniche incompiute di cui l’Italia, purtroppo, detiene un triste primato.

Nella parte finale del tracciato è prevista la realizzazione di un tunnel, chiamato ad attraversare il quartiere “Buozzi” di Tolentino, che passerà anche molto vicino alle fondazioni di alcune abitazioni, con il pericolo che potrebbero risentire delle inevitabili sollecitazioni del terreno. Non solo. Ad essere interessata dal tunnel è anche la collina di Santa Lucia, notoriamente franosa e gonfia d’acqua. Questo sta a significare che in fase di costruzione potrebbero presentarsi problematiche tecniche importanti, tanto da determinare una significativa lievitazione dei costi.

E pensare che era stato presentato come un progetto tutto improntato al risparmio con una prima stima che si aggirava sui 50 milioni di euro, e pubblicizzato come più conveniente rispetto all’ipotesi avanzata anni fa dalla società “Quadrilatero”, che aveva posto sul piatto della bilancia un intervento che avrebbe toccato i 78 milioni.

Ma con il tempo tutto è cambiato. Da 50 si è passati a cento e siamo sicuri che il costo è destinato a crescere, semmai questo percorso vedrà la luce. Insomma, è un’opera di cui potremmo fare a meno, anche perché permetterebbe di risparmiare soltanto 3 minuti rispetto ai tempi di percorrenza dell’attuale tracciato. Concedendoci un pizzico d’ironia, andremo a spendere circa 33 milioni al minuto! Con i tempi che corrono ed una regione devastata da terremoti e maltempo, le esigenze delle nostre comunità sono ben altre.

Contestualizzando il problema in un panorama più ampio di riflessioni, non si può mancare di evidenziare come si prosegua a realizzare erroneamente infrastrutture per il trasporto su gomma, dimenticando quello su ferro ed altre forme di mobilità sostenibile, che permetterebbero un sicuro risparmio e un decongestionamento del traffico.

Chiediamoci se la priorità di questo territorio sia o meno il raddoppiamento di una strada esistente tra Tolentino e San Severino o se viceversa questi 100 milioni, frutto dei nostri sacrifici e delle nostre tasse, potevano essere impiegati in maniera diversa, più utile e più necessaria. Giusto per fare un esempio , ricordo che recentemente il Governo nazionale ha annunciato che non rinnoverà i contratti ai tecnici che sono stati assegnati ai Comuni per la ricostruzione post terremoto, questo come è evidente causerà il collasso burocratico degli uffici comunali con conseguente allungamento dei tempi. Ecco, ad esempio un cosa da fare urgentemente. Quando percorrerete, se mai accadrà, il raddoppio risparmiando soddisfatti 3 minuti di tempo, pensate a quante opere, strutture e infrastrutture potevano essere realizzate con quei soldi, pensate ai tagli sulla spesa sanitaria e pensate ai terremotati che magari avranno una bella strada ma non avranno né la casa né la propria comunità ricostruita. In definitiva un'opera utile solo per chi la propone.

Dalle mie parti si dice: "le chiacchiere stanno a zero". Vedremo quanti tra coloro che si stanno battendo il pugno sul petto saranno disposti ad appoggiare la mia mozione per il riconoscimento dello stato di emergenza climatica.

Dalle mie parti si dice: "le chiacchiere stanno a zero". Vedremo quanti tra coloro che si stanno battendo il pugno sul petto saranno disposti ad appoggiare la mia mozione per il riconoscimento dello stato di emergenza climatica.

#Bisonninforma Si facciano immediatamente le convenzioni con le associazioni di volontariato vincitrici del bando per l'affidamento dei cras perché gli animali selvatici che hanno bisogno di cure non possono attendere le lungaggini burocratiche ingiustificate ed incomprensibili.

Prima parte del piccolo resoconto sui passati 4 anni di attività.

Facebook photo

Nel nuovo Programma di Sviluppo Rurale Marche (PSR) approvato oggi, si afferma che sono state fatte delle scelte ambientali, favorendo ed incentivando la produzione di energia da biomasse forestali. In realtà gran parte della comunità scientifica è concorde sul fatto che le biomasse non costituiscono una fonte di energia rinnovabile. Ci sono degli studi che dimostrano addirittura che bruciare carbone produce meno anidrite carbonica rispetto alla combustione del legno. Io sostengo, vista anche l'emergenza climatica in corso, che occorre piantare nuovi alberi piuttosto che bruciarli, per produrre energia si devono incentivare altre fonti alternative veramente rinnovabili, ecologiche e a basso impatto ambientale.

Una legge che mancava e di cui sono anche firmatario, che regolamenta con delle norme chiare l'accesso in spiaggia per i nostri amici a quattro zampe. Una atto che detta regole precise a favore di coloro che vogliono portare in spiaggia il proprio cane, e nello stesso tempo tutela le persone che, al contrario, ne sono infastidite. E' prevista la realizzazione di un logo 'dog-friendly' che la concessione dovrà esporre per indicare che quella spiaggia consente l'accesso agli animali. Naturalmente i cani dovranno essere dotati di microchip, documentazione veterinaria e copertura assicurativa, per la sicurezza di tutte le persone presenti. Il concessionario dovrà realizzare un'area attrezzata e recintata per gli animali, docce separate ed è prevista anche un'area di mare per la loro balneazione opportunamente delimitata da boe galleggianti.